Ai domiciliari perché perseguitava la sua ex

A bloccare lo stolker sono stati i carabinieri della compagnia DI Corigliano

CORIGLIANO ROSSANO – Di capire che la loro storia era finita non ne voleva proprio sapere così un 28enne di San Demetrio Corone è finito agli arresti domiciliari. Secondo la ricostruzione lo stolker ha inviato all’ex fidanzata messaggi intimidatori su Whatsapp per poi aggredirla in più occasioni con calci e pugni, solo perché non accettava la fine della relazione. Cosí ad intervenire sono stati i carabinieri della compagnia di Corigliano Calabro che lo hanno posto ai domiciliari in esecuzione dell’ordinanza del Gip di Castrovillari.

Per lui sono stati formulati i seguenti capi di imoutazione: atti persecutori e lesioni personali. L’uomo, secondo quanto accertato dai carabinieri, in una prima occasione ha avvicinato l’ex fidanzata e dopo averla strattonata e fatta cadere a terra l’ha colpita con calci e pugni provocandole la frattura di due costole. In un’altra circostanza l’ha raggiunta in un locale per giovani e l’ha aggredita nuovamente. Solo l’intervento degli avventori ha scongiurato il peggio. La giovane ha denunciato quanto subito per mesi dal suo ex, che era arrivato a danneggiare il campanello della sua abitazione ed a mettere la colla nella serratura della porta d’ingresso.

Giornata di colloqui di lavoro per i giovani di “Insieme Creiamo il futuro”

Con latteso Recruiting Day allIstituto Alberghiero si è concluso il programma Insieme creiamo il futuro - Paola Colloqui di selezione con aziende del settore alberghiero per 60 studenti delle v classi